Omega 3: benefici, come assumerli e controindicazioni

Cosa sono gli omega 3?

Quando sentiamo parlare di “grassi”, pensiamo immediatamente ai grassi saturi contenuti nel cibo spazzatura, ma esistono anche grassi buoni, come gli omega 3. Gli omega 3 sono degli acidi grassi essenziali polinsaturi, che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare autonomamente in quantità sufficienti. Essendo appunto grassi essenziali, è necessario introdurli attraverso l’alimentazione o integratori, se si ha una carenza. Gli omega 3 esercitano funzioni molto importanti per la salute del cuore, del cervello e non solo. I principali acidi degli omega 3 sono l’acido alfa-linolenico, l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA).

Benefici degli omega 3

Gli omega 3 svolgono un ruolo fondamentale per la salute del nostro corpo, vengono infatti utilizzati per trattare diverse patologie e per prevenirne altre. Vediamo meglio quali benefici gli omega 3 apportano al nostro organismo:

  • aiutano a prevenire malattie cardiovascolari
  • utili per la pelle in caso di dermatite
  • riducono il rischio di tumori
  • riducono il rischio di diabete di tipo 2
  • utili contro l’artrite
  • utili per lo sviluppo cognitivo
  • utili contro le malattie infiammatorie
  • attraverso la stimolazione delle cellule nervose, stimolano la concentrazione e la memoria
  • azione antinfiammatoria
  • aiutano a mantenere una buona capacità visiva
  • migliorano l’umore, utili contro la depressione
  • stimolano l’apprendimento

Come assumere omega 3

Come detto in precedenza, i grassi omega 3 devono essere introdotti nel nostro corpo attraverso l’alimentazione, anche se in alcuni casi è necessario anche l’utilizzo di integratori. È consigliato consumare circa 1-1,5gr al giorno. Tanti alimenti contengono omega 3, di seguito, un elenco dei cibi contenenti omega 3:

  • pesce – dal pesce azzurro allo sgombro, dalle sardine al tonno
  • noci
  • mandorle
  • arachidi
  • olio di pesce
  • olio di lino
  • kiwi
  • alghe
  • Acciughe
  • semi di chia
  • crostacei
  • in misura minore in latte, uova, cereali e pane

Ogni alimento contiene una diversa quantità di omega 3, tra il pesce più ricco di omega 3 troviamo il pesce azzurro, il merluzzo e il salmone. È anche importante la modalità di cottura del pesce, bollitura e griglia sono quelle consigliate (la frittura potrebbe ad esempio annullarne i benefici). Generalmente si consiglia di integrare il pesce nella propria dieta 2-3 volte a settimana, per questo è essenziale raggiungere il giusto apporto di omega 3 attraverso altri alimenti o l’utilizzo di integratori.

La richiesta di integratori a base di omega 3 è sempre più elevata, proprio grazie agli innumerevoli benefici che essi hanno sul nostro organismo. Soprattutto considerando che una carenza di omega 3 potrebbe causare problemi di salute, come ad esempio arresto della crescita, ansia e aumenta il rischio di patologie cardiovascolari. Esistono diversi tipi di integratori in commercio, solitamente trovabili in capsule da ingerire oralmente, e possono essere utili nei bambini o nelle donne durante la gravidanza o l’allattamento, per migliorare lo sviluppo cognitivo del bambino. È consigliato di consultare il proprio medico di fiducia prima di assumere integratori a base di omega 3.

Controindicazioni

Non esistono particolari controindicazioni dovute ad una giusta assunzione di omega 3, che non deve però superare i 3gr giornalieri. Un eccessivo consumo di omega 3 potrebbe avere delle controindicazioni come ad esempio l’accumulo di metalli quali mercurio e nickel nel nostro organismo, aumento del rischio di emorroide e ictus, problemi gastrointestinali. Come sempre, ricordiamo che è essenziale condurre uno stile di vita sano e seguire un’alimentazione corretta.

Leave a Comment